~ Piccole donne ~

un film di Greta Gerwig.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3.5-Stelle-300x70.png

Il nuovo adattamento cinematografico del più famoso romanzo di Louisa Alcott è uno sguardo fresco e personale sulla storia delle Piccole Donne. Greta Gerwig si dimostra all’altezza della bravura dimostrata precedentemente in Lady Bird. La fiducia nella protagonista Saoirse Ronan le permette di riproporre il romanzo di formazione sulle sorelle March secondo una chiave di lettura contemporanea e credibile alle giovani spettatrici di oggi. La maturazione dell’attrice irlandese è così predominante che abbatte la differenza di età e di ruolo con la brava e affascinante Emma Watson. Il brillante cast è composto anche da due paladine dello schermo come Laura Dern e Meryl Streep nei ruoli della madre e della zia che accompagnano la narrazione delle quattro sorelle. La regista che ha firmato anche la sceneggiatura, nonostante una rivisitazione strettamente personale, mantiene alto il rispetto per l’opera originale grazie a magnifiche ambientazioni scenografiche, pregiati costumi di scena e una saturazione del colore davvero pregevole. Ponendo inalterati e fedeli alcuni tratti della trama, la Gerwig, scompone la lineare narrazione del racconto della Alcott applicando per questo numerosi ralenti e salti temporali preferendo l’approfondimento dei singoli personaggi, introducendo l’elemento innovativo per la storia della meta-narrazione e sottolineando in maniera definitiva l’autobiografia della grande scrittrice americana come in un flusso di ricordi rievocato da Josephine al momento della sua scrittura. Grazie a questa capacità espositiva, assistiamo alla crescita della protagonista. Una novella scrittrice insicura, che non è consapevole del proprio valore e del proprio talento che procede con la maturazione alla creazione del proprio io creativo attraverso le emozioni provate nella sua adolescenza. In un quadro di criticità finanziaria (la Alcott la preferisce rispetto al tema della fede e della responsabilità dell’essere genitore) Gerwig mostra con forza come, a quel tempo, le donne avevano poche possibilità di essere economicamente indipendenti. Mantenendo inalterato il messaggio della Alcott, Piccole Donne resta un capo saldo di autodeterminazione e indipendenza per l’emancipazione femminile.


Piccole donne, ma un grande cast per una rivisitazione originale del celebre romanzo americano simbolo di emancipazione e indipendenza femminile nel tempo…


Titolo originale: Little Women (Piccole donne, 2019)

Paese di produzione: Usa

Principali interpreti: Saoirse Ronan (Josephine “Jo” March), Emma Watson (Margaret “Meg” March), Florence Pugh (Amy March), Eliza Scanlen (Elizabeth “Beth” March), Laura Dern (Marmee March), Timothée Chalamet (Theodore “Laurie” Laurence), Meryl Streep (zia March)

Lettera del padre Robert March

Da a tutte loro il mio amore e un bacio. Sono nei miei pensieri di giorno e nelle mie preghiere di notte e il loro affetto mi è di enorme conforto in ogni istante. Passerà un lunghissimo anno prima che io le possa rivedere ma ricorda loro che possiamo adoperarci e farsi che questi duri giorni non trascorrano invano. So che saranno figlie amorevoli con te. Faranno il loro onesto dovere. Combatteranno con coraggio e matureranno splendidamente e quando ritornerò da loro sarò di certo più incantato e orgoglioso che mai delle mie piccole donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.