ROBERTO VANIN (VE), laureato in Urbanistica, è da anni un critico cinematografico per passione. Sul tema è in fase di pubblicazione la sua prima opera letteraria: “Capolavori del cinema da vedere nella vita – I migliori film di sempre”. Un saggio frutto di un lavoro preciso e sincero che lo ha impegnato in sei anni di ricerca, studio e visualizzazioni. Felicemente sposato dal 2012 con Silvia, confida di trasmettere ai suoi figli, Riccardo e Ginevra, la passione per la Settima Arte. Dipendente bancario dal 2016, ha realizzato questo portale sul cinema per trasmettere e diffondere in tutta la sua bellezza questa forma d’arte contemporanea, per aiutare a comprendere uno dei più grandi fenomeni sociali, mediatici e culturali di fine XIX e di inizio XX secolo. Da sempre definito “Aspirante collezionista” per le sue numerose raccolte principalmente di quotidiani, monete, schede telefoniche e giocattoli, ha aperto due profili Instagram (Aspiringcollector e Paginedistoria) per condividere questo suo tesoro di ricordi. Nel sito è presente anche una sezione dedicata alla sua passione per la storia e in particolare sulla recensione degli albi di Historica Mondadori.

Roberto Vanin
Roberto Vanin

Travis Bickle, Taxi Driver – 1976

“Io ho sempre sentito il bisogno di avere uno scopo nella vita, non credo che uno possa dedicarsi solo a se stesso, al proprio benessere. Secondo me uno deve cercare di avvicinarsi alle altre persone” 

Jack Burton, Grosso guaio a Chinatown – 1986

“Io sono nato pronto!”

Make, Rapanui – 1994

“Io credo a tutto quello che vedo, a quello che mangio… e a quello che non ho!”

Film indiscussi capolavori: M – Il mostro di Dusseldorf (Fritz Lang, 1931), Quarto potere (Orson Welles, 1941), C’era una volta in America (Sergio leone, 1984);

Film preferiti italiani: (non ritenuti massime espressioni artistiche) Il gatto a nove code (1971), Febbre da cavallo (1976) e Il marchese del Grillo (1981);

Film preferiti stranieri: (non ritenuti massime espressioni artistiche) Delitto sotto al sole (1982), Piramide di paura (1985) e Willow (1988)

Registi preferiti: Alfred Hitchcock, Sergio Leone e Billy Wilder;

Attori preferiti: Ingrid Bergman, Robert de Niro e Gian Maria Volonté;

Libri preferiti: Robinson Crusoe (Daniel Defoe, 1719), Moby Dick (Herman Melville, 1851) e In vespa. Da Roma a Saigon (Sergio Bettinelli, 1997);

Sogni nel cassetto: pubblicare il mio primo libro sul cinema e visitare il continente Americano con la famiglia.