Promises ~

un film di Thomas Kruithof.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 3-Stelle.png

Il film di apertura della sezione Orizzonti di Venezia 78 segue le ultime giornate di mandato di una sindaca di un comune della banlieue parigina (la Huppert sempre bravissima e algida), impegnata a “lasciare in eredità” la sistemazione attraverso il risanamento di un enorme fabbricato di appartamenti popolari lasciato al degrado, tra amministratori giudiziari corrotti, trafficoni impegnati ad ammassare immigrati in appartamenti intestati a prestanome, contrasti politici, ricatti, piccoli proprietari esasperati…

La storia di molti luoghi, vista in una prospettiva diversa, da un lato quella del capo di gabinetto del Comune, uno che si è fatto da sè provenendo proprio da quell’ecomostro ed essendo di origini nordafricane, dall’altro quello della sindachessa, che appare senza scrupoli, sensibile alle lusinghe del potere da cui non riesce a staccarsi, non integerrima, non estranea anzi ai sottoboschi del potere stesso e al mentire.

Le promesse sono parte della politica, non ci sarebbe politica senza impegno per il futuro, ma le promesse diventano troppo spesso false promesse, esche per attirare consensi facili, mezzi per il potere appunto. E di questo parla il film, ma dare la visione della sindaca e non quella delle “vittime”, una persona che fa del pragmatismo un modus vivendi e del com-promesso un modus operandi scombina un po’ le carte, perché con lei riesce difficile empatizzare… eppure… eppure è dal suo machiavellismo, dal suo “fine che giustifica i mezzi” che giunge una svolta inaspettata. Niente di rivoluzionario, ma forse la realtà è più quella qui rappresentata di quella di certo cinema manicheo, per cui i politici sono o angeli o diavoli.

E questo porta il film nel territorio delle ***, anche se sento di peccare per generosità.


Le promesse sono parte della politica, non ci sarebbe politica senza impegno per il futuro, ma le promesse diventano troppo spesso false promesse, esche per attirare consensi facili, mezzi per il potere…


Titolo originale: Promises (Les Promesses, 2021)

Paese di produzione: Francia

Principali interpreti: Isabelle Huppert (sindaco Clemence), Reda Kateb (Yazid), Jean-Paul Bordes (Tenente Leader), Naidra Ayadi (Deputato)

mymovies.it

“L’incontro tra cinema e politica sul terreno della negoziazione verbale rivela affinità inattese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.